Fotovoltaico

Fotovoltaico 2018-04-27T09:40:09+00:00
Loading...

Impianto Fotovoltaico

Convertire l’energia solare in energia elettrica grazie ad un impianto fotovoltaico è una delle scoperte più rivoluzionarie dell’uomo.
L’energia pulita, generata senza produrre emissioni nocive, potrà essere utilizzata sia per consumi domestici, che consumi aziendali, trasformandosi in vero e proprio guadagno sia per il risparmio conseguito, che per la possibilità di beneficiare della detrazione fiscale.

Installare un impianto fotovoltaico sulla propria casa non è una spesa, ma un vero investimento.

Indipendenza Energetica

grazie all’autoconsumo dell’energia prodotta dall’impianto

Scambio sul posto

possibilità di rimborso in denaro o di conguaglio sulle bollette dell’anno successivo per la quantità di energia prodotta e immessa in rete

Più valore alla tua casa

aumentando l’efficienza energetica di un’abitazione, un impianto fotovoltaico aumenta anche il suo valore

Trent’anni di energia

potrai usufruire dell’energia prodotta dal tuo impianto per 30 anni

Energia pulita al 100%

un impianto fotovoltaico non inquina, l’emissione di CO2 nell’aria è pari a 0

Resa Garantita

sui pannelli il rendimento minimo garantito è pari al 90% per i primi venti anni e all’80% per i successivi cinque. Sugli inverter invece la garanzia è di dieci anni, con possibilità di sostituzione al 9^ anno

Detrazione fiscale

per il 50% dell’investimento sostenuto (in 10 anni)

Si può installare ovunque

un impianto fotovolataico può essere installato in qualsiasi spazio sufficientemente esposto a irraggiamento solare

Come Funziona

Gli impianti fotovoltaici tradizionali a pannelli solari sono costituiti da moduli in silicio montati su strutture metalliche ed orientati in maniera tale da favorirne l’irraggiamento solare. Un convertitore collegato all’impianto trasforma la corrente “solare” da continua in alternata. Il convertitore è collegato anche ad un contatore che misura l’energia prodotta dall’impianto e che quindi dovrà essere pagata secondo tariffe particolari e molto vantaggiose. L’energia prodotta, una volta entrata nella rete elettrica dell’abitazione, viene assorbita da tutte le apparecchiature elettriche utilizzate. Un ulteriore contatore misura l’eventuale surplus di corrente prodotta, e non utilizzata, che verrà ceduta alla rete elettrica di distribuzione diventando così vera e propria rendita.

Perchè investire nel Fotovoltaico

Installare un impianto fotovoltaico sulla propria casa non è una spesa ma un investimento. L’energia prodotta da un impianto fotovoltaico sul tetto di una casa, in termini economici, genera ricavi superiori all’esborso necessario per installarlo e mantenerlo:

  • Risparmi subito sulla bolletta dell’energia: buona parte dei tuoi consumi sarà prodotta dal tuo impianto.
  • Detrazione fiscale: si può risparmiare fino al 50% del valore dell’impianto.
  • Aumenti il valore del tuo immobile: l’impianto fotovoltaico dà prestigio alla tua casa e la rende più autonoma.
  • Migliori l’ambiente in cui vivi: contribuisci a ridurre l’uso dei combustibili fossili, e quindi la produzione di CO2, nel periodo di vita dell’impianto.
impianto solare energy italy

Pannello Fotovoltaico

Un modulo (Pannello) fotovoltaico è un dispositivo che permette di convertire l’energia solare in energia elettrica utilizzando la proprietà di alcuni materiali, come il silicio. Le tecnologie più comuni sono 3:

  • Silicio monocristallino, che utilizza silicio purissimo, con atomi perfettamente allineati che garantiscono la massima conducibilità
  • Silicio policristallino, con monocristalli di silicio aggregati con forme e orientamenti diversi
  • Silicio amorfo o a film sottile, che non ha struttura cristallina e i cui atomi vengono disposti chimicamente in ordine casuale senza alcun allineamento (struttura amorfa), utilizzando quantità di silicio molto basse

I pannelli fotovoltaici catturano l’energia solare, mediante effetto fotovoltaico, producono energia elettrica a corrente continua e a bassa tensione. Per poter sfruttare questa energia è però necessario convertirla in corrente alternata (a 220/380 Volt). Per questo motivo vengono utilizzati dei convertitori CC/CA.

Grazie ad un particolare sistema di controllo possiamo monitorare costantemente l’impianto. In ogni momento sarà quindi possibile rilevare la produzione, così come eventuali anomalie, consentendoci un intervento immediato e risolutivo. Energy Italy SpA offre il servizio di diagnostica centralizzata gratuitamente a tutti coloro che confermeranno il contratto di manutenzione dell’impianto fotovoltaico.

Un convertitore è un particolare dispositivo elettrico che serve per convertire una corrente continua in una corrente alternata. E’ quindi un prodotto indispensabile quando si utilizzano i pannelli fotovoltaici (per questo motivo, vengono anche chiamati “inverter fotovoltaici”), in quanto permette di convertire l’energia catturata dai moduli solari (che è il corrente continua) in corrente alternata, che è la tipologia di corrente fornita dalle Rete Nazionale. I convertitori fotovoltaici devono essere conformi a determinati requisiti tecnici. Ad esempio devono rispondere alle norme generali sull’EMC (Compatibilità Elettro Magnetica) e sulla limitazione delle emissioni RF (Radio Frequenza).

Sui pannelli: Rendimento minimo garantito pari al 90% per i primi 20 anni e dell’ 80% per i successivi 5 anni. Sui convertitori: 10 anni di garanzia con possibilità di sostituzione al 9°anno.

SCHEDE TECNICHE

Pannelli Fotovoltaici
Inverter

VUOI RICHIEDERCI MAGGIORI INFORMAZIONI O DESIDERI UN PREVENTIVO SU MISURA PER TE?

CONTATTACI ORA PER UNA CONSULENZA GRATUITA

I pannelli fotovoltaici possono essere installati su un tetto, su terrazzo, in facciata o anche a terra. Normalmente sono necessari circa 8 mq di pannelli per ogni kWp installato. I pannelli devono preferibilmente essere posizionati con una inclinazione tra i 25 ed i 40 ° rispetto al piano orizzontale, e con orientamento a Sud. Nella scelta della posizione è importante anche tenere conto di eventuali ombre generate da alberi, edifici adiacenti, camini, antenne, ecc.

Non è possibile, o quanto meno non sarebbe per nulla conveniente, staccarsi completamente dal contatore di rete e non ricevere più la bolletta. I normali impianti fotovoltaici necessitano infatti di essere collegati alla rete di fornitura di energia elettrica per funzionare.

L’impianto fotovoltaico permette di produrre gratuitamente grazie al sole buona parte dell’energia di cui abbiamo bisogno; in questo modo miglioriamo la nostra indipendenza energetica nel senso che l’importo delle bollette si riduce significativamente e gli eventuali aumenti futuri del costo dell’energia avranno un impatto minimo sul nostro bilancio domestico.

Curare periodicamente la manutenzione e pulizia dei pannelli è il primo presupposto per garantirne l’efficienza.

Per godere al massimo dei benefici dell’impianto fotovoltaico poi, è conveniente concentrare i nostri consumi nelle ore in cui l’impianto fotovoltaico è attivo, ad esempio programmando opportunamente gli elettrodomestici come lavatrici, ecc.

Qualora non consumassimo istantaneamente tutta l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico, questa viene ceduta alla rete e remunerata dal contributo in conto scambio.

Tuttavia va ricordato che l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico è meglio remunerata quando è autoconsumata, rispetto a quando è ceduta alla rete.

Una opportunità di incrementare il proprio autoconsumo e il proprio grado di indipendenza energetica è dato dai sistemi di accumulo, che permettono di immagazzinare parte della energia prodotta in eccesso durante il giorno, e di utilizzarla alla sera.

Si, il condominio può realizzare un impianto fotovoltaico, per coprire i fabbisogni delle utenze comuni (illuminazione scale, ascensore, ecc.).

È anche possibile installare un impianto per il singolo condomino, anche se in questo caso è necessario il consenso all’unanimità di tutti gli altri condomini se l’installazione interessa parti comuni come il tetto.

  • Le persone fisiche che sostengono la spesa di un impianto fotovoltaico possono beneficiare della detrazione IRPEF pari al 50% della spesa sostenuta, ripartita in 10 anni.
  • I soggetti titolari di reddito d’impresa invece, possono beneficiare del superammortamento al 140%.
  • Tutti (privati e aziende) possono beneficiare dello scambio sul posto, che permette di immettere in rete l’energia prodotta e non autoconsumata, a fronte della quale viene riconosciuto un corrispettivo economico denominato contributo in conto scambio.